Home
Podcast
Audio Podcast
Video DiggaZ – 1×03

Video DiggaZ – 1×03

by on 25 gennaio 2012 in Audio Podcast 4 Comments

Puntata 1×03 “Slow motion”

Questa puntata di Video DiggaZ si pone come obiettivo di trasmettere i concetti di base sullo slow motion, su come effettuarlo in ripresa e come processare le immagini in post per aumentare l’effetto.

Verranno trattati concetti relativi al tempo di esposizione dell’otturatore per riprese al ralenty e verranno mostrati esempi pratici di ripresa still life e di elaborazione con After Effects.

Link

Keynote PDF

La presentazione (in formato PDF) del vfx l’episodio:

http://j.mp/vdz_1x03_keynote

Deltaframe

Casa di produzione e postproduzione video a Milano

http://j.mp/vdz_deltaframe

Studio Stendhal

Studio di produzione di Deltaframe, si trova a Milano in via Cola Di Rienzo 24.

http://j.mp/vdz_stendhal

Facebook: http://j.mp/vdz_stendhalfb

Contatti

E-mail: videodiggaz@deltaframe.com

Twitter: @VideoDiggaZ, http://j.mp/vdz_twitter

Facebook: http://j.mp/vdz_fb

Condividi!Share on Facebook4Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn1Digg thisShare on Tumblr0Share on StumbleUpon0Share on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
4 Comments
  1. Alex Raccuglia 27 gennaio 2012 at 09:15

    Ma quanto è fighissimo Alex?
    😀

  2. Giovanni B. 7 febbraio 2012 at 15:25

    Ciao Alex,
    complimenti per il bellissimo podcast video. Non sono un professionista del settore, ma un semplice appassionato, ma mi piace molto vedere come si lavora in ambito pro.
    Tra l’altro trovo particolarmente utile il fatto che dai la possibilità a tutti di capire come, certo conta il talento e l’occhio artistico, ma a monte c’è sempre una sana, costante e accurata preparazione e programmazione.
    Ne approfitto per chiederti un consiglio. Ho la necessità di riversare del materiale registrato su VHS in digitale, e uso un Mac Mini 2011 come piattaforma. Cosa è consigliabile prendere come periferica di acquisizione? Non deve avere funzionalità particolari, ma mi piacerebbe acquisire in un formato non compresso per poter fare un editing di base (togliere le pubblicità, applicare qualche filtro, mettere i titoli). Quale formato “RAW” è utile usare per le elaborazioni e, soprattutto, una volta finito il tutto come conservare il formato? Sempre in un formato non compresso? Questo perché sicuramente riverserò il tutto in DVD, ma mi piacerebbe anche mantenere il formato nativo di acquisizione per eventuali future elaborazioni.

    Continua così che vai forte.

    P.S. Videodiggaz potrà mai diventare un podcast audio dedicato al mondo del video (hardware, software, tecniche di editing, ecc.)?

    • Alex Raccuglia 7 febbraio 2012 at 16:40

      Azz, domandona tosta.

      Data la qualità di partenza della VHS ti consiglierei qualcosa del genere per l’acquisizione:
      http://www.elgato.com/elgato/int/mainmenu/products/capture-convert.en.html

      Una volta acquisiti i file per editarli occorre transcodificarli in ProRes se lavori con FCP vecchia versione (ne abbiamo parlato nella puntata 1×02) oppure probabuilmente si possono fare digerire direttamente a software come FCPX o Premiere.

      NB
      RAW nel video c’è solo materiale girato da RED e Alexa.
      Al di là delle prerogative di questo podcast.

      Grazie per i complimenti, li giro a tutto il cast tecnico.
      Per un podcast audio… Uhm, parlare di video senza farlo vedere mi sembra molto difficile (e, credimi, sarebbe ben più comodo per me fare solo l’audio).
      Sentiamo se il buon Pizzi ha qualche idea, magari per una pillola settimanale… 😉

  3. Giovanni B. 8 febbraio 2012 at 01:09

    Grazie per l’illuminante suggerimento.
    Per il podcast video sono d’accordo ed è perfetto così, come una specie di tutoria dal vivo. Io mi riferivo alla possibilità di fare una trasmissione che più che parlare di tecnologia in generale, sia maggiormente focalizzata sul versante video e foto. In particolare non mi dispiacerebbe, da appassionato di cinema, dei focus proprio sulle varie tecniche video di ripresa in modo da poter apprezzare il lavoro dei registi anche per certe sfumature tecniche che, solo voi grandi professionisti, potete trasmetterci.
    Grazie ancora.