Home
Podcast
Audio Podcast
Fuori Tempi – 1×02

Fuori Tempi – 1×02

by on 31 ottobre 2011 in Audio Podcast, Fuori Tempi 7 Comments

Ecco il secondo episodio di Fuori Tempi che attraverserà come abitudine i temi principali della settimana suddivisi in interni ed esteri con l’opinione e l’approfondimento di Paolo Perini

Dall’Italia

  • Lettera di intenti diBerlusconi all’Europa e il tentativo di accontentare tutti
  • Sciopero riuscito dei pensionati a Roma
  • Stipendi troppo bassi per contenere le dinamiche inflative
  • Ambiente: dissesto idrogeologico e inondazioni

Dall’Estero

  • Strascichi morte di Gheddafi
  • Rivoluzioni Nord Africa: la Tunisia
  • 7 miliardi di abitanti
  • Prossime elezioni americane

Credits

  • Trasmissione ideata e condotta da Paolo Perini
  • Editing di Simone Pizzi
  • Jingle e suound: Cristian Spaccapaniccia
  • Logo: Elisabetta Baldan
Condividi!Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn0Digg thisShare on Tumblr0Share on StumbleUpon0Share on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
7 Comments
  1. Nino 31 ottobre 2011 at 10:02

    Non sono così ottimista sul processo di democratizzazione della libia.. poi bisogna vedere la cura economica che verrà somministrata al paese, parte dei proventi del petrolio venivano investiti sul welfare libico (se così vogliamo chiamarlo) ovviamente con le mani inglesi e francesi sui giacimenti questi benefit verranno meno, io personalmente prevedo una sempre più crescente emigrazione da parte del popolo libico verso le nostre coste (dove verranno accolti nel modo che tristemente conosciamo)..

    Saluti, Nino.

  2. Emiliano 31 ottobre 2011 at 14:24

    Grande Paolo,
    il governo in conclave è meraviglioso!

  3. Peppe "Prof. Jones" Scaletta 3 novembre 2011 at 22:30

    Complimenti! La tua è una trasmissione che attendo con più fremito sull’aggregatore.
    Scusa il termine ma ho troppo sonno… :-S non mi viene di meglio.

  4. theruler 9 novembre 2011 at 10:49

    Complimenti per la trasmissione. Unico appunto che ti faccio e’ quando dici che sei contento per la morte di Gheddafi. Di certo non mi metto a piangere neppure io, ma purtroppo togliendolo di mezzo tutto quello che sapeva e’ morto con lui. Un processo sommario non fa bene a nessuno, se non a chi ha interessi che il personaggio giustiziato non parli (vedi ad esempio mussolini o bin laden).
    Inoltre, eticamente io trovo scorretto gioire della morte di qualcuno. Non ballo sulla tua tomba, ma neppure verso lacrime.

    • Simone Pizzi 9 novembre 2011 at 11:04

      Rispondo per conto mio, lasciando completamente libertà di espressione e di autodeterminazione di Paolo. Anche io mi trovo in disaccordo con l’affermazione di Paolo, non solo per un discorso processuale (che è un diritto per chiunque) visto anche il processo a Saddam Hussein drogato e rincoglionito. In ogni caso è una questione di “giustitia” nel senso alto del termine. Comunque benvenuto TheRuler, è un piacere vederti attento ai nostri programmi

  5. Paolo Perini 9 novembre 2011 at 11:22

    Grazie a Emiliano e a Peppe Scaletta.

    Rispondo a theruler: Come già detto nella puntat successiva in cui rispondo al commento di Nino, la mia espressione era provocatoria. Non sono “felice” che sia morto. Prima di tutto perché nella tomba s’è portato con se moltissimi segreti della “prima repubblica” che pertanto resteranno tali a partire dalla battaglia nei cieli italiani che causò la caduta del Dc9 Itavia e la morte di 81 italiani.

    Detto questo, ho preso dall’inizio della guerra in Libia una posizione chiara a favore dei ribelli, pur sapendo i rischi e pur sapendo che nemmeno loro sono “farina da far ostie” come si dice da noi. Tuttavia la dipartita di Gheddafi, anche fisica, è inmportante dal mio p.d.v perché fintanto che il dittatore era vivo benché processato e imprigionato, costituiva motivo per la sua tribù di continuare una guerra fratricida. Niente più capo, niente più leader, niente più persone costrette alla sua devozione e fedeltà. E sopratutto spazio per una futura Libia senza Gheddafi, e chissà magari anche senza gheddafiani. Saluti.

    • Simone Pizzi 9 novembre 2011 at 16:13

      “partire dalla battaglia nei cieli italiani che causò la caduta del Dc9 Itavia e la morte di 81 italiani”

      sacrosanto…