archeologia_videoludica_extra02_cinquanta_passi_di_storia

Archeologia Videoludica – Extra 02

Un interessante reportage per questo secondo Extra della storia di Archeologia Videoludica. Sono sempre il buon Pizzi e Marco “il Distruggitore” Gualdi che prendono pala e mappa per una camminata lunga cinquanta passi dove sarà possibile ripercorrere i primissimi anni della storia dei videogiochi.

Prima di iniziare però i nostri due eroi ci fanno presente il canale YouTube del programma dove è stato pubblicato, oltre a video di vario genere, anche un piccolo reportage video di Andrea Milana da Helsinki, da non perdere. Questo ovviamente sarà il primo di una serie, compreso un video che sarà presto pubblicato proprio in merito a questo episodio Extra.

IN QUESTO EPISODIOCinquanta passi di storia
L’associazione AIOMI ha organizzato, in collaborazione con altre realtà e associazioni, una mostra retroludica ad uno dei distaccamenti del MACRO e più precisamente alla Pelanda in zona Testaccio (Roma), dove è stata dedicata una parte della zona espositiva proprio a questo loro evento.
La mostra intitolata gamezero 5885 ripercorre praticamente tutta la storia del videogioco dagli albori fino al 1985, data nella quale, secondo gli organizzatori, il mondo dei videogiochi è cambiato grazie anche all’avvento delle console giapponesi sul mercato e l’inizio del videogioco moderno. In buona sostanza incinquanta passi si ricostruisce un pezzo di storia che noi non abbiamo ancora completato in due stagioni di trasmissione.
È stato possibile vedere le vecchie macchine, cassette, cartucce, videogiochi di ogni genere compresi i famosi “schiacciapensieri” ed era a disposizione anche una zona interattiva dove abbiamo potuto toccare con mano un Vectrex.

In ogni caso il nostro scopo non era quello di documentare le vecchie macchine da gioco, quello lo facciamo regolarmente, ma di parlare con i protagonisti di questo evento e fare anche quattro chiacchiere con delle piacevoli conoscenze (passate e future) del nostro programma.
In primis ovviamente la voce di Marco Accordi Rickards, fondatore e direttore di AIOMI e Direttore Artistico della mostra.
Con grandissimo piacere rincontriamo e approfondiamo il discorso con Fabio“Super Fabio Bros” D’Anna, redattore dal 2008 di Retrogaming History, collaboratore del sito GamesCollection, collabora anche con GamesReplay e responsabile del blog di Archeoludica, il quale ha approfondito meglio alcuni aspetti dell’evento e con il quale ci siamo soffermati a chiacchierare per un po’.
A proposito di chiacchierate, perché di questo si è trattato, è stato anche il turno di due personaggioni del mondo videoludico e due persone che apprezziamo e stimiamo molto, ossia Luigi Marrone – responsabile del blog Electronic Self, partecipa a diversi podcast come Outcast (e non Onda Ludica come erroneamente detto in trasmissione) e Retrocast, redattore di Playstation Magazine – eGiuseppe Saso, salito alla ribalta con il suo popolarissimo canale YouTubeL’Opinionista Videoludico, responsabile del blog chiamato Lo Scaffale di Peppe, da qualche tempo redattore di Game Republic.

Al termine di questa lunga e piacevole camminata e chiacchierata coi protagonisti della giornata abbiamo ascoltato le voci del pubblico presente, anche se, a causa del tempo dedicato alle interviste si era fatto un poco tardi e molta gente aveva già lasciato la sala.

Buon ascolto a tutti!

LICENZA DEL PODCAST. 
Questo podcast può essere liberamente distribuito o diffuso. Non è consentito l’uso per scopi commerciali. Non è possibile modificare l’opera. Licenza Creative Commons: Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.0 Generico.

Condividi!Share on Facebook2Tweet about this on Twitter2Share on Google+0Share on LinkedIn0Digg thisShare on TumblrShare on StumbleUpon0Share on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>